Quanto vive un merlo?

In natura, quanto vive un merlo? La risposta dipende da diversi fattori. Tenere a bada i predatori, trovare cibo in abbondanza e vivere in un ambiente stabile possono aiutare a garantire una lunga vita.

Durata media della vita di un merlo

La durata media della vita di un merlo è compresa tra due e quattro anni, a seconda della specie. Il merlo comune ha una durata di 3,4 anni nel Regno Unito, mentre il merlo dalle ali rosse vive tra i due ei quattro anni. I merli più longevi registrati in natura avevano ventitré mesi. Ma i merli vivono anche molto più a lungo di quanto suggerirebbero queste cifre. La loro longevità è il risultato di una combinazione di fattori, tra cui la qualità dell’habitat e l’evitare i predatori.

Un merlo su un asse in legno

Poiché la durata media della vita di un merlo varia tra le specie. Non esiste una singola specie con una durata di vita straordinariamente lunga e il merlo più “aspirante” ha vissuto per oltre 6 anni. Un merlo di 6 anni, tuttavia, è stato straordinariamente fortunato a sopravvivere ai pericoli della sua vita. E anche se alcuni possono vivere anche più a lungo, la longevità di un merlo è ancora in media di soli 3,4 anni. La durata media della loro vita, specialmente di quelli che vivono in luoghi selvaggi, deve tenere conto dei tassi di mortalità tra i giovani uccelli e i pulcini, poiché il loro numero è spesso inferiore a quello di un uccello che vive in una determinata regione più sicura.

LEGGI ANCHE:   Quanto vivono i conigli?

I merli dalle ali rosse sono lunghi circa 22 centimetri, con un’apertura alare da 30 a 40 centimetri. Entrambi i sessi hanno becchi corti e appuntiti e corpi neri con toppe sulle spalle arancioni e rosse. Le loro code sono nere o marroni e misurano dai sei ai nove centimetri. I maschi sono più grandi delle femmine, con la coda che misura tra i nove ei dieci centimetri. I maschi adulti sono di colore nero lucido con toppe rosse sulle spalle e una barra alare gialla. Le femmine sono di un marrone opaco con striature scure sul corpo. I loro conti sono duri e appuntiti. I loro occhi sono rotondi.

Un merlo che mangia frutti

Dieta di un merlo

La dieta di un merlo è una ricca fonte di vitamine e minerali. È un onnivoro, che consuma una varietà di frutta, semi, insetti e persino alcuni ragni e lombrichi. Mentre un merlo è in grado di rompere i gusci di semi di cartamo, le sue esigenze dietetiche non sono così diverse come quelle di altri uccelli. Tuttavia, ci sono alcuni cibi che piacciono ai merli e di cui non possono resistere alla tentazione di mangiarli.

La dieta di un merlo è composta principalmente da insetti e vermi. Tuttavia, durante l’autunno, questo uccello può trarre vantaggio dai frutti occasionali. Questo perché la dieta del merlo diventa più vegetale che animale. In autunno, il terreno spesso gela e gli insetti diventano più rari. In risposta, i merli si affidano agli alimenti a base vegetale per fornire l’energia di cui hanno bisogno. Sono onnivori, ma sono flessibili nella loro dieta.

LEGGI ANCHE:   Quanto vive una gallina

Mentre è noto che i merli dalle ali rosse danneggiano colture e semi, i merli sono benefici per l’agricoltura. Consumano semi di erbacce, insetti dannosi e cereali. Possono anche nutrirsi di colture in maturazione. I grackles comuni sono merli iridescenti. Le loro ali rosse possono essere scambiate per “redwings”. Hanno le stesse dimensioni, ma la femmina ha più macchie gialle sulla testa e sulle ali rispetto al maschio.

Un merlo in mezzo alla neve

Temperatura corporea di un merlo

Gli uccelli sono a sangue caldo e hanno tassi metabolici più elevati rispetto agli esseri umani. La loro temperatura corporea è normalmente di 40 gradi Celsius, ma oscillano a seconda della dieta, dell’attività e del clima. Ciò è particolarmente vero per gli uccelli più piccoli, il cui volume centrale e superficie più piccoli hanno maggiori probabilità di perdere calore che generarlo. Tuttavia, anche i piccoli uccelli hanno sviluppato metodi per mantenere la temperatura corporea a temperature estreme. Ecco alcuni di questi metodi.

I merli dalle ali rosse appartengono alla famiglia degli Itteridi. Sono imparentati con allodole, rigogoli e bobolink. La parola “Icteridae” significa ittero e, poiché molti di questi uccelli sono gialli, a volte vengono chiamati “troupials”. Il nome deriva dal fatto che gli antichi Fenici usavano fare la tintura rossa dai crostacei.

Gli uccelli possono anche raffreddarsi attraverso il raffreddamento evaporativo. Lo svolazzare e l’ansimare golari degli uccelli aumentano il flusso d’aria sulle superfici umide. Perdono anche vapore acqueo attraverso la pelle. I corpi degli uccelli sono in grado di mantenere una temperatura confortevole per un massimo di sei-otto ore durante l’inverno e possono facilmente mantenere la temperatura corporea a un livello costante bevendo acqua e riposando. Sebbene gli uccelli non sudano, hanno bisogno di acqua per sostituire l’acqua che perdono attraverso questi processi. Senza acqua, gli uccelli possono facilmente soffrire di ipertermia, una condizione pericolosa che può causare la morte.

Lascia un commento