Quanto vivono le tartarughe

Non è un segreto, si sa che le tartarughe vivono più a lungo di molti altri animali domestici. Alcune specie di tartarughe possono vivere 100 anni o più. Diverse specie comuni di tartarughe d’acqua da compagnia possono vivere fino ai 40 anni, anche se ci sono molti fattori che influenzeranno la durata della vita della tua tartaruga domestica. La durata della vita della tua tartaruga dipende dalla sua specie, dalla sua dieta e da altri aspetti del suo ambiente che puoi controllare.

Se speri di conoscere la durata della vita potenziale della tua tartaruga, identifica prima la specie della tua tartaruga. La specie chiamata dalle orecchie rosse, se curate adeguatamente, possono sopravvivere fino ai 30 anni. Le tartarughe possono facilmente vivere oltre i 50 anni e anche fino agli 80, il che significa che è del tutto possibile che la tua tartaruga o tartaruga sopravviva a te. È ora di redigere quel testamento! (No sul serio.)

La linea di fondo è che la maggior parte delle tartarughe vivrà facilmente almeno qualche decennio se sopravvive oltre i primi anni di vita.

le tartarughe più grandi possono vivere vite estremamente lunghe

Durata della vita tipica delle famose tartarughe da compagnia in cattività
Cursore dalle orecchie rosse da 25 a 35 anni
Mappa tartaruga dai 15 ai 25 anni
Tartaruga di legno dai 40 ai 55 anni
Tartaruga scatola orientale 50+ anni
Tartaruga dipinta da 25 a 30 anni
Tartaruga russa 40+ anni
Tartaruga Greca 100 anni o più
Tartaruga Leopardo 100 anni o più
LEGGI ANCHE:   Quanto vive un piccione

Le tartarughine e le tartarughe più grandi possono vivere vite estremamente lunghe. Le specie più piccole che sono più comuni come animali da compagnia hanno vita più breve ma possono comunque sopravvivere per diversi decenni. Ci sono molti record di tartarughe che hanno vissuto quasi 200 anni (o anche di più). È difficile verificare queste affermazioni perché le tartarughe ovviamente sono sopravvissute ai loro proprietari. Adwaita, una tartaruga gigante di Aldabra, è probabilmente la tartaruga più longeva mai registrata. Adwaita ha vissuto in uno zoo in India ed è morta all’età di 255 anni se si devono credere alle affermazioni. Queste date non sono state verificate.

Altre tartarughe notoriamente longeve includono Timothy, che morì all’età di 160 anni; Harriet, una tartaruga gigante delle Galapagos morta all’età di 175 anni; Jonathan, una tartaruga gigante delle Seychelles che morì all’età di 187 anni; e Tu’i Malila, una tartaruga irradiata morta all’età di 188 anni. Quasi tutte queste date sono stime che non possono essere confermate.

Le chiavi per la salute della tua tartaruga

Le chiavi per la salute della tua tartaruga

Naturalmente, nutrire la tua tartaruga con una dieta sana è una componente importante per aiutarla a vivere una vita lunga e sana. Le diete delle tartarughe possono variare ampiamente a seconda della specie. Alcune specie, come la tartaruga dal guscio molle , mangiano principalmente pesce e carne. Altre specie, come il tipo dalle orecchie rosse, mangiano un mix di insetti, pesce e verdure.

LEGGI ANCHE:   Quanto vive un merlo?

Assicurati di ricercare adeguatamente la dieta ideale della tua nuova tartaruga domestica. Molte tartarughe si comportano bene con un mix di pellet per tartarughe commerciali e alimenti freschi, ma le proporzioni esatte e i tipi di pellet e alimenti freschi variano notevolmente. Una dieta corretta può aiutare a evitare la carenza di vitamina A, uno dei problemi di salute più comuni per le tartarughe domestiche. 1 La carenza di calcio, spesso secondaria alla carenza di vitamina D, è un grave problema nelle tartarughe e nelle testuggini che vengono tenute in casa senza luce UV e può causare gusci molli e scarsa crescita. 2

Una dieta non è l’unico componente di una tartaruga sana. Assicurati che la tua tartaruga sia ben curata con regolari visite veterinarie. Un recinto pulito con spazio sufficiente farà anche molto per mantenere la tua tartaruga libera da malattie. Le condizioni di vita sporche e lo stress che ne derivano possono ridurre drasticamente la vita della tua tartaruga. Anche la temperatura corretta è importante per mantenere la tua tartaruga felice e in salute.

malattie tipiche che minacciano la tua specifica specie di tartaruga

Minacce comuni

Sii consapevole delle malattie tipiche che minacciano la tua specifica specie di tartaruga. Questo ti aiuterà a sapere come prevenirli o a rilevare i sintomi in anticipo. Ascessi, infezioni del guscio, infezioni respiratorie e parassiti sono tutti relativamente comuni nelle tartarughe domestiche.  Gli ascessi e le infezioni respiratorie sono spesso secondari a una carenza di vitamina A, mentre le infezioni da conchiglia di solito derivano da una scarsa qualità dell’acqua o da un infortunio. Probabilmente non noterai i parassiti a meno che tu non faccia fare al tuo veterinario regolari screening fecali per il tuo animale domestico.

LEGGI ANCHE:   Quanto vivono i conigli?

Le tartarughe che vivono in stagni all’aperto o le tartarughe che vivono nel cortile sono più vulnerabili a divenire preda di altri animali e agli elementi rispetto alle loro controparti che vivono al chiuso. I rischi quotidiani per una tartaruga all’aperto sono molto più alti dei rischi per una tartaruga al chiuso, quindi assicurati che il tuo laghetto o habitat sia protetto dai predatori e abbia un’adeguata protezione dagli elementi. Una tartaruga da compagnia all’aperto può essere mangiata o molestata da altri animali domestici e animali selvatici. Assicurati che il tuo animale domestico non possa fuggire dall’habitat scavando sotto la recinzione. Tieni lontani gli animali selvatici che potrebbero esporre il tuo animale a malattie.

Lascia un commento