Quanto ci vuole per arrivare su marte?

Quanto dista marte dalla terra? Quanto tempo ci vorrà per arrivare su Marte? Queste sono probabilmente domande nella mente di tutti ultimamente, con la Nasa e SpaceX in lizza per la supremazia nella corsa allo spazio. Ma potrebbe non essere così facile. Ecco alcuni fatti che dovresti sapere su quanto tempo ci vuole per arrivare su Marte e come arrivarci più velocemente. Inoltre, continua a leggere per scoprire come i razzi di SpaceX arriveranno su Marte.

Per arrivare a marte bisogna

Uno dei maggiori ostacoli nel raggiungere Marte è la mancanza di carburante. Il piano di volo standard richiede sette mesi per raggiungere Marte. Tuttavia, SpaceX sta lavorando con la NASA per costruire una stazione spaziale su Marte per ospitare gli astronauti. Dopo aver vissuto sulla stazione per un paio di mesi, tornerebbero sulla Terra, lanciando un piccolo lander nei successivi viaggi sulla superficie del pianeta. Attualmente, la compagnia non ha raggiunto l’orbita e Musk ha ripetutamente risposto a domande sulla sequenza temporale.

Uno dei maggiori ostacoli nel raggiungere Marte è la mancanza di carburante

Un altro ostacolo importante nell’esplorazione di Marte è la distanza tra la Terra e Marte. La distanza è più del doppio della lunghezza dell’orbita terrestre e un veicolo spaziale deve sfruttare la forza gravitazionale per raggiungere Marte. Inoltre, l’atmosfera su Marte è cento volte più sottile di quella terrestre. L’atterraggio su Marte richiede ulteriori propulsori per frenare la velocità immensa a cui la navicella spaziale sarà sottoposta, il che richiederebbe più carburante. Infine, per poter avere una vita sostenibile nel pianeta rosso, gli esseri umani dovrebbero modificare il clima del pianeta (cosa che appare sempre nella teoria ma in pratica abbiamo avuto scarsi risultato quando si e’ provato a fare il “terraforming” di parti desertiche del nostro pianeta.

SpaceX

SpaceX

Elon Musk ha dichiarato di voler inviare umani su Marte entro il 2030. Anche se questo potrebbe non essere realistico, Musk ha riaffermato i suoi piani e ha dichiarato di essere fiducioso che sarà in grado di lanciare una missione con equipaggio su Marte entro sei o quattro anni. Musk si è anche impegnato a inviare un miliardario giapponese sulla luna entro il 2023. Mentre orbitare attorno alla luna è un passo significativo, l’atterraggio su Marte sarà molto più grande.

In quanto società privata, SpaceX non ha rivelato le sue finanze. Tuttavia, la maggior parte degli analisti ritiene che l’azienda stia facendo ingenti somme in soldi liquidi se sta spendendo miliardi di dollari in lanci di razzi e missioni con equipaggio. La società si è già assicurata contratti con la NASA per un valore di 4,2 miliardi di dollari e ha recentemente rotto il monopolio della United Launch Alliance nel mercato dei lanci spaziali privati. Inoltre, SpaceX ha 60 lanci di satelliti privati ​​sul loro manifesto che valgono almeno 7 miliardi di dollari.

NASA

NASA

Se ti sei mai chiesto quanto tempo impiega la NASA per arrivare su Marte, non sei solo. Il pianeta sta diventando sempre più affascinante per gli scienziati. La NASA ora spera di portare gli astronauti su marte ma per adesso la non sembra avere riscontrato lo stesso successo che ha caratterizzato l’ascesa alla supremazia spaziale di SpaceX, ci limitiamo a vedere le acrobazie dei loro Rover ma ancora non siamo riusciti a vedere un vero e proprio prototipo di nave spaziale che potrebbe portare l’uomo sul pianeta rosso.

I rover robotici della NASA

I rover robotici della NASA

Il 18 febbraio 2021, il rover Perseverance delle dimensioni di un’auto è atterrato all’interno del cratere Jezero di Marte, con la missione di cercare indizi sull’antica vita marziana e raccogliere dozzine di campioni per il futuro ritorno sulla Terra.

Secondo i membri del team della missione, il Jezero largo 45 chilometri (45 chilometri) è un luogo ideale per tali operazioni su Marte perché un tempo ospitava un grande lago e un delta del fiume. I delta dei fiumi sulla Terra sono eccellenti nel trattenere le sostanze organiche contenenti carbonio – i mattoni della vita come la conosciamo – così come i resti della vita, quindi i manager di Perseverance sono entusiasti di indagare sul delta di Jezero. E nei mesi successivi dovrebbero fare sul serio.

La distanza tra noi e marte varia col tempo

La distanza tra noi e marte varia col tempo

A seconda delle loro orbite attorno al sole, la distanza tra Marte e la Terra oscilla notevolmente.

In teoria, il punto più vicino che Marte e la Terra otterranno è quando Marte si avvicina di più al sole (perielio) e la Terra si trova alla sua distanza più lontana dal sole (afelio) (afelio). Secondo la NASA, ciò porterebbe i due pianeti entro 33,9 milioni di miglia (54,6 milioni di chilometri) l’uno dall’altro, cosa mai accaduta prima nella storia registrata.

Nell’agosto 2003, quando i due pianeti erano a 56 milioni di chilometri di distanza, è stata registrata la distanza misurata più vicina tra loro. La NASA stima che i due non si avvicineranno di nuovo fino al 2237.

Cosa prevede il futuro sul pianeta rosso

Cosa prevede il futuro sul pianeta rosso

Una serie di viaggi di andata e ritorno potrebbe consentire la costruzione di una serie di spazi abitabili su Marte. Quindi, in futuro, gli esseri umani potrebbero rimanere sul pianeta per periodi di tempo più lunghi. Poiché la maggior parte del carburante per il viaggio di ritorno sarebbe generata su Marte, ci sarebbe un enorme risparmio di energia e costi. I prossimi passi per questa missione sono in gran parte determinati dal finanziamento e dalla disponibilità di denaro.

Ma il vero prossimo passo nell’esplorazione umana di Marte è una missione con equipaggio per inviare astronauti lì. Questo sarebbe un salto monumentale in termini politici ed economici per il nostro pianeta. Ma con la tecnologia attuale, ci vorrebbero circa nove mesi prima che un astronauta raggiunga il pianeta rosso. Oltre agli ostacoli fisici, l’equipaggio dovrebbe affrontare e sopportare situazioni complesse che lo vedranno a dover fare i conti con tutta una serie di complicazioni dovute agli effetti delle radiazioni, la mancanza di ossigeno, acqua e cibo. C’è anche il problema del carburante. Ci vorranno dagli 8 ai 12 minuti minuti prima che un segnale radio raggiunga la Terra (in condizioni ottimali). Ciò renderà difficile per gli astronauti comunicare, ricevere updates a dei software che potrebbero avere malfunzionato e persino compromettere il loro destino e quindi rimanere in vita.

Lascia un commento