Quanto è lunga l’italia

La Repubblica Italiana, situata nell’Europa meridionale, si estende su un’area geografica di 301.230 km² e comprende le grandi isole Sicilia e Sardegna. Il territorio italiano è un po’ più grande dello Stato dell’Arizona per fae una comparazione con un altro stato. La terraferma italiana, a forma di stivale, si estende nel Mar Mediterraneo per 1.185 km da sud-est a nord-ovest e per 381 km da nord a sud.

La lunghezza totale dei confini terrestri è di 1.932 km e la lunghezza delle coste è di 7.600 km. Confina a nord con la Svizzera e l’Austria, a nord-est con la Slovenia, a est con i mari Adriatico e Ionio, a ovest con i mari Tirreno e Ligure e a nord-ovest con la Francia. La Sicilia, che si trova al largo dello stivale italiano, ha una superficie totale di 25.708 chilometri quadrati.

La Sardegna ha una superficie totale di 24.090 km² e si trova a circa 320 chilometri a nord-ovest della Sicilia. San Marino, che si estende per 61,2 km², come anche la Città del Vaticano, che occupa 44 ettari sono il primo una Repubblica indipendente è il secondo, uno stato indipendente, si trovano entrambi all’interno dei confini italiani.

Nel 1954, quando l’Italia prese il controllo della Zona A, che comprende la città e il porto di Trieste, e la Jugoslavia prese il controllo della Zona B, che comprende l’entroterra rurale della penisola istriana, l’annosa disputa su Trieste, un’area di 518 km² situata alla testata del Mare Adriatico, fu finalmente risolta. Un contratto firmato nell’ottobre 1975 ha reso irreversibile la divisione.

LEGGI ANCHE:   Quanto è lungo l'intestino
Colosseo

Roma, la capitale d’Italia, è situata nella regione centro-occidentale della nazione.

Geografia dell’Italia.

L’Italia è spesso definita un Paese a forma di stivale per via la sua forma, quando vista dall’alto. L’Italia possiede alcuni dei paesaggi più diversi e più belli del pianeta. Le Alpi, una delle catene montuose più selvagge del mondo, sono situate nella sua parte superiore. I punti più alti dell’Italia si trovano lungo il Monte Bianco, che ha una cima in Francia, e lungo il Monte Rosa, che ha una cima in Svizzera.

Il fiume Po e il Piemonte sono visibili sotto i laghi alpini e le valli scavate dai ghiacciai visibili dalle Alpi occidentali. La regione più conosciuta della nazione è forse la Toscana, che si trova a sud della regione cisalpina. L’imponente catena appenninica, che si estende dalle Alpi centrali per tutta la lunghezza della nazione, si allarga intorno a Roma per circondare quasi tutta la larghezza della penisola italiana.

Due ampie pianure costiere, una affacciata sul Mar Tirreno e l’altra sul Mar Adriatico, circondano lo stretto Appennino a sud di Roma. Cinghiali, lupi, aspidi e orsi sono solo alcuni dei molti animali che popolano gran parte della bassa catena appenninica.

Firenze

Con molti vulcani attivi, in particolare il Vesuvio, che di tanto in tanto sprigiona cenere e vapore nell’aria sopra Napoli e la sua baia disseminata di isole, l’Appennino meridionale è anche tettonicamente instabile. La Sicilia e la Sardegna si trovano nel Mar Mediterraneo, nel punto più meridionale della nazione.

Geo Politica

Questo terreno accidentato ha influenzato la geografia politica dell’Italia. I villaggi e le città italiane hanno una storia di autosufficienza, indipendenza e diffidenza reciproca perché non ci sono molte strade dirette che li collegano e spostarsi da un luogo all’altro è tipicamente impegnativo.

LEGGI ANCHE:   Quanto è lunga la muraglia cinese?

I visitatori di oggi sottolineano le distinte differenze tra le varie città, le notevoli variazioni nella cucina e nel dialetto e le altre sottili sfumature che fanno apparire l’Italia non tanto come un’unica nazione quanto come un insieme di località culturalmente collegate in un contesto di insolita bellezza.

Nel corso dei suoi oltre 3.000 anni di storia, l’Italia ha vissuto periodi di conflitto intercomunitario, di breve unità, di divisione prolungata e di imperi falliti. L’Italia è in pace da più di 70 anni e i suoi cittadini beneficiano di un alto livello di vita e di una cultura ben sviluppata.

Torre di Pisa

Cultura originaria

Gli Etruschi, una civiltà preistorica sviluppatasi tra i fiumi Arno e Tevere, sono il punto di partenza della storia italiana, nonostante l’ampia documentazione archeologica del Paese risalga a decine di migliaia di anni fa. I Romani sostituirono gli Etruschi nel III secolo a.C.. Nel II secolo a.C., il loro impero si era espanso dall’India alla Scozia, diventando la forza dominante nella regione mediterranea.

A causa dei conflitti di potere tra fazioni politiche romane rivali, comandanti militari, famiglie, gruppi etnici e religioni, nonché della riluttanza dei popoli conquistati a rimanere sotto il dominio romano, l’impero fu raramente stabile.

La scomparsa dell’Impero Romano

A seguito di una serie di invasioni barbariche in cui Unni, Longobardi, Ostrogoti e Franchi – la maggior parte dei quali era stata in precedenza suddita di Roma – conquistarono parti dell’Italia, l’Impero Romano crollò nel V secolo d.C.. Anche se i Normanni riuscirono a creare un piccolo impero nell’Italia meridionale e in Sicilia nell’XI secolo, alla fine il dominio si ridusse al livello delle città-stato.

LEGGI ANCHE:   Quanto è lungo l'intestino

Molte di queste città-stato ebbero grande prosperità durante l’epoca del Rinascimento, che fu anche caratterizzata da lotte sanguinose tra le potenze alleate del Papa e quelle alleate del Sacro Romano Impero.

Positano

La formazione della Repubblica italiana

Quando nel XIX secolo Vittorio Emanuele II fu incoronato re a seguito di una rivoluzione liberale, l’Italia fu finalmente unita. L’Italia combatté a fianco degli Alleati nella Prima guerra mondiale, ma sotto il leader fascista Benito Mussolini si rivoltò contro gli Alleati nella Seconda guerra mondiale.

Due partiti importanti hanno dominato il sistema multipartitico italiano dalla fine della Seconda Guerra Mondiale fino ai primi anni ’90: il Partito della Democrazia Cristiana (DC) e il Partito Comunista Italiano (PCI).

Il centro politico del sistema partitico italiano è crollato all’inizio degli anni ’90, lasciando una polarizzazione destra-sinistra dello spettro partitico che ha accentuato la divisione nord-sud e ha dato vita a politici come il magnate dei media Silvio Berlusconi.

Lascia un commento