Quanto dura la digestione

Perché dopo aver mangiato certi cibi, puoi sentirti pieno per ore, ma dopo altri, stai cercando uno spuntino in pochi minuti?

Riguarda la digestione del cibo da parte del tuo corpo e molti altri fattori che influenzano la durata del processo.

La digestione è il processo di scomposizione del cibo nei nutrienti che il tuo corpo può utilizzare. Inizia dalla bocca e finisce alla fine dell’ileo terminale (intestino tenue).

Vedere e annusare il cibo è ciò che avvia il processo. In risposta, il tuo corpo inizia a produrre saliva extra, che contiene enzimi che avviano la digestione. Una volta che il cibo viene masticato e ingerito, il vero lavoro inizia nello stomaco.

Nello stomaco, il cibo si mescola con quei succhi digestivi, creando una miscela acquosa che passa nell’intestino tenue. Le pareti dell’intestino tenue assorbono i nutrienti e l’acqua necessari. Il colon (intestino crasso) prende quindi ciò che il tuo corpo non ha usato e si prepara a liberarsene attraverso un movimento intestinale.

È possibile dire quando lo stomaco è vuoto?

Quanto tempo impiega il cibo a digerire?

L’intero processo digestivo può richiedere diverse ore. Il cibo generalmente rimane nello stomaco tra i 40 e i 120 minuti. A questi bisogna aggiungere altri 40-120 minuti per il tempo trascorso nell’intestino tenue.

Più denso è il cibo, il che significa che più proteine ​​o grassi ha, più tempo ci vuole per digerirlo.

LEGGI ANCHE:   Quanto dura il black friday?

I carboidrati semplici, come riso, pasta o zuccheri semplici, hanno una media di 30-60 minuti nello stomaco. Ma se metti uno spesso strato di burro di arachidi sul pane tostato o uno strato di avocado e uova, possono essere necessarie dalle due alle quattro ore per lasciare lo stomaco. Mettici dentro un pezzo di pancetta ed è ancora più lungo.

Quanto tempo impiega l’acqua per digerire?

I liquidi lasciano lo stomaco più velocemente perché c’è meno da abbattere:

  • Acqua naturale: da  10 a 20 minuti.
  • Liquidi semplici (succhi di frutta, tè, bibite): da  20 a 40 minuti.
  • Liquidi complessi (frullati, frullati proteici, brodi di ossa): da  40 a 60 minuti.

Fattori che influenzano la durata della digestione

Tuttavia, bisogna onsiderare che questi tempi sono stime. Il tempo necessario per digerire il cibo varia in base a:

  • Il tuo tipo di corpo.
  • Il tuo metabolismo .
  • I farmaci che prendi.
  • Tipi di cibo che mangi .
  • Livello di attività fisica complessiva esercizio fitness.
  • Vivere uno stile di vita sedentario rispetto a uno stile di vita fisicamente attivo.
  • Interventi passati che hai subito.
  • Livello di stress.

Fattori che influenzano la durata della digestione

Anche la genetica e l’età contano. Alcune persone nascono con un metabolismo più veloce. E quando invecchiamo, il nostro metabolismo e la motilità rallentano. Le persone iniziano anche a sviluppare condizioni mediche, come ipertensione,  diabete e aterosclerosi. I farmaci per queste condizioni possono ritardare la digestione.

LEGGI ANCHE:   Mascherine ffp2 quanto durano

I farmaci e gli integratori che possono influire sulla durata della digestione includono:

  • Farmaci per l’artrite.
  • Anticolinergici.
  • Antidepressivi.
  • Farmaci antispasmodici.
  • Farmaci per il diabete.
  • Contraccettivi orali.
  • Farmaci per il morbo di Parkinson.

È possibile dire quando lo stomaco è vuoto?

Solo perché hai fame non significa che il tuo stomaco sia “vuoto”.

I nostri segnali di fame possono essere regolati dagli ormoni, quindi se hai un alto livello di ormoni della fame in giro, potresti sentirti affamato, anche se hai lo stomaco pieno”.

Alcuni farmaci, come il prednisone, aumentano l’appetito aumentando gli ormoni che stimolano l’appetito. Ciò significa che potresti sentirti più affamato più spesso quando prendi questi farmaci, anche se avevi abbastanza da mangiare.

Anche la tua percezione di queste sensazioni è altamente individuale. L’esempio classico è un attacco di cuore. Molte persone hanno attacchi di cuore in buona fede ma non hanno notato alcun dolore al petto. Allo stesso modo, alcune persone avvertono dolori al petto senza aver avuto un infarto. Allo stesso modo, alcuni pazienti sentono la fame, ma il loro stomaco non è vuoto.

Lascia un commento