Quanto durano gli effetti collaterali della chemioterapia?

Quanto durano gli effetti collaterali della chemioterapia? Quali sono gli effetti collaterali comuni? E come li affronti? Continua a leggere per dare un’occhiata agli effetti collaterali comuni della chemioterapia, alla loro durata e se possono interagire con altri medicinali.

Non vi è alcuna garanzia che un trattamento non provochi effetti collaterali, ma la maggior parte non dura più di poche settimane, quindi è importante discuterne con il medico e il team sanitario.

Effetti collaterali comuni

Sebbene l’effetto collaterale più comune della chemioterapia sia il dolore, ci sono altre condizioni più gravi che si possono sviluppare durante e dopo il trattamento. Ad esempio, una bassa conta piastrinica può derivare dalla chemioterapia e questo può rendere più probabili lividi e sanguinamento.

Per evitare questi effetti collaterali, sarebbe bene evitare l’assunzione di aspirina e altri prodotti contenenti aspirina, compreso l’ibuprofene. La chemioterapia può anche causare effetti collaterali permanenti. In rari casi, possono verificarsi danni permanenti ai nervi, che portano a intorpidimento o formicolio alle mani e ai piedi.

Banner sulla chemioterapia

Durata

Sebbene sia importante discutere degli effetti collaterali con il proprio team sanitario e avere un numero di telefono a portata di mano, la maggior parte degli effetti collaterali della chemioterapia sono di breve durata e scompaiono con il tempo.

Tuttavia, alcuni sono a lungo termine e dovrebbero essere monitorati da vicino. È importante notare che potresti avere effetti collaterali per diversi mesi dopo il trattamento. Questo perché gli effetti collaterali possono essere imprevedibili, a seconda del tuo stato di salute, del tipo di cancro e di qualsiasi altro trattamento che stai ricevendo.

LEGGI ANCHE:   Quanto dura la gravidanza di un cane?

La chemioterapia ha molti effetti collaterali, incluso il danneggiamento di cellule e organi sani. Colpisce tutte le cellule che si moltiplicano rapidamente, comprese le cellule tumorali.

Colpisce anche le cellule normali, come i nuovi globuli nel midollo osseo, la pelle, i capelli e gli organi riproduttivi. Poiché la chemioterapia può danneggiare le cellule normali, potresti riscontrare questi effetti collaterali per anni dopo il trattamento. Potresti avere difficoltà a mangiare, dormire o trattenere i liquidi in bocca.

scan al cervello

Opzioni terapeutiche

Sebbene la chemioterapia possa essere efficace nell’eradicare le cellule tumorali, ci sono molti effetti collaterali da aspettarsi durante e dopo il trattamento. Alcuni sintomi sono permanenti, mentre altri regrediscono nel tempo. Il tuo team di assistenza oncologica discuterà i rischi associati agli effetti collaterali a lungo termine e come gestirli.

La buona notizia è che la maggior parte degli effetti collaterali è gestibile e diminuirà quando il trattamento viene interrotto o le normali cellule sane del tuo corpo iniziano a rigenerarsi. Mentre alcuni effetti collaterali possono persistere anche anni dopo la chemioterapia, puoi evitarli del tutto prendendo precauzioni durante e dopo il trattamento.

Mentre stai ricevendo la chemioterapia, potresti essere preoccupato per i potenziali effetti collaterali. Sebbene la maggior parte di questi effetti sia temporanea, dovresti discuterne con il medico e l’infermiere.

Molti farmaci usati nella chemioterapia stanno migliorando ogni anno, quindi il tuo medico può aiutarti a gestire anche i tuoi effetti collaterali. Imparando di più sugli effetti collaterali della chemioterapia, puoi ottenere il massimo dal tuo trattamento e goderti una vita normale dopo il cancro.

LEGGI ANCHE:   Quanto dura il black friday?

Ci sono anche diversi farmaci che puoi assumere per alleviare gli effetti collaterali della chemioterapia.

preparazione medicinale

Interazioni con altri medicinali

A causa dell’ampia varietà di interazioni farmacologiche con agenti chemioterapici, i farmacisti devono essere altamente informati e sicuri quando consigliano i pazienti e raccomandano trattamenti.

La maggior parte dei malati di cancro assume anche un’ampia varietà di altri medicinali per altre condizioni legate al cancro. Le interazioni possono assumere forme diverse, come farmacodinamiche, farmacocinetiche o sistemiche. Il tipo di interazione che si verifica con un particolare farmaco è fondamentale quando si tratta della sua sicurezza ed efficacia.

Sebbene non siano disponibili dati precisi, si ritiene che le interazioni farmaco-farmaco siano più elevate in oncologia che in altre condizioni. Esistono tre diversi tipi di interazioni farmacologiche con la chemioterapia: farmacodinamica, farmacocinetica e metabolica.

Sebbene le interazioni metaboliche siano le più comuni, ce ne sono molte altre che possono verificarsi. Per affrontare queste interazioni, i farmacisti devono educare i pazienti e formulare raccomandazioni appropriate ai medici e agli altri operatori sanitari.

donna che mostra il simbolo della lotta contro il cancro al seno

Tollerabilità legata all’età

L’invecchiamento aumenta il rischio di effetti collaterali legati alla chemioterapia, ma la tossicità non si limita al trattamento stesso. I cambiamenti legati all’età includono una pressione sanguigna più bassa e un maggiore contenuto di grasso e acqua nel corpo.

Anche la capacità del rene di filtrare ed elaborare i farmaci diminuisce con l’età. Inoltre, i cambiamenti legati all’età in altri organi possono aumentare il carico del trattamento chemioterapico sui caregiver di un paziente. Inoltre, i pazienti più anziani sono spesso meno in grado di tollerare la chemioterapia se somministrati in concomitanza con altri trattamenti.

LEGGI ANCHE:   Quanto dura la digestione

Gli autori di questo studio hanno riferito che i pazienti con BC avevano meno probabilità di riportare effetti collaterali correlati alla chemioterapia. Questi risultati erano coerenti con i risultati di altri studi.

Tuttavia, la natura retrospettiva dello studio e la piccola dimensione del campione limitano le sue conclusioni. Inoltre, i pazienti che non hanno ricevuto un intero ciclo di chemioterapia adiuvante hanno avuto tassi di recidiva più elevati e una PFS peggiore. Sono necessarie ulteriori ricerche per chiarire questi risultati.

Oltre a confrontare il rapporto rischio-beneficio della chemioterapia, in tutti i contesti clinici dovrebbe essere considerata la tollerabilità legata all’età degli effetti collaterali della chemioterapia.

Lascia un commento